Come distanziare correttamente i pomodori – 7 consigli per la giusta distanza

Image

Pianificare un orto richiede attenzione e cura, specialmente quando si tratta di coltivare pomodori succosi e saporiti. Spesso, uno degli aspetti più sottovalutati ma cruciali per assicurare una produzione abbondante e di qualità è il corretto distanziamento tra le piante.

In questo articolo, vi forniremo 7 consigli essenziali per determinare la giusta distanza tra i vostri pomodori, garantendo così che ogni pianta riceva sufficiente luce, aria e nutrienti per svilupparsi al meglio.

Seguendo queste linee guida, non solo migliorerete la salute delle vostre piante, ma ottimizzerete anche lo spazio nel vostro giardino, evitando problemi comuni come malattie e infestazioni parassitarie. Preparatevi a scoprire come trasformare il vostro orto in un vero e proprio tesoro di pomodori sani e rigogliosi!

Conoscere la varietà del pomodoro

La distanza ottimale di piantagione dei pomodori dipende fortemente dal tipo di varietà che si decide di coltivare. I pomodori si dividono in due categorie principali in base alla loro abitudine di crescita: determinati e indeterminati.

Le varietà determinate sono piante più compatte che crescono fino a una certa altezza e poi si fermano, fioriscono e producono tutti i loro frutti in un breve periodo di tempo. I pomodori indeterminati, invece, continuano a crescere, fiorire e produrre frutti per tutta la stagione fino alle prime gelate.

Evitare l’affollamento delle varietà determinate

Le varietà di pomodoro determinate, come ad esempio i pomodori da pasta, i pomodori da patio o quelli compatti, fruttificano meglio quando vengono piantati a distanze di circa 60-75 cm l’uno dall’altro. È essenziale rispettare questa distanza per prevenire malattie e assicurare una buona produzione di frutti.

Scegliere il supporto per i pomodori indeterminati

Molti tipi di pomodori ciliegia e pomodori ereditari (heirloom), che fanno parte della categoria indeterminata, necessitano di più spazio e possono beneficiare dall’uso di gabbie o tutori. Posizionando i tutori o le gabbie al momento della piantagione, si promuove una crescita verticale che non solo risparmia spazio ma mantiene anche le piante più sane. In questo caso, ogni pianta dovrebbe essere spaziata di circa 75-90 cm.

Leggi  Consigli per creare un santuario giardino amico degli uccelli

Dare spazio adeguato ai pomodori indeterminati senza gabbia

Le varietà indeterminate che vengono lasciate a crescere naturalmente sul terreno necessitano di molto più spazio, fino a 120 cm l’una dall’altra. Questo ampio spazio permette lo sviluppo ottimale dei rami e minimizza il rischio di malattie trasmesse dal contatto con il suolo umido.

Mantenere la distanza adeguata tra le file

Mantenere la giusta distanza tra le file è fondamentale per facilitare la raccolta e garantire un buon flusso d’aria tra le piante, il che aiuta a prevenire le malattie. Si raccomanda di spaziare le file di pomodori di almeno 120 cm, specialmente per le varietà indeterminate non supportate da gabbie, dove è bene lasciare almeno 180 cm di spazio.

Utilizzare un metro a nastro per misurare

L’uso di un metro a nastro può aiutare a eliminare le ipotesi sullo spazio necessario e a garantire che la distanza tra le piante sia precisa. Questo strumento è particolarmente utile per evitare di ridurre lo spazio a favore dell’aggiunta di ulteriori piante.

Selezionare varietà piccole per risparmiare spazio

Per coltivare pomodori in contenitori o in piccoli spazi, si possono scegliere varietà compatte che richiedono circa 60 cm di spazio e sono in grado di produrre una buona quantità di frutti. Esempi di pomodori adatti a piccoli spazi includono ‘Patio Choice Yellow’, ‘Tidy Treats’, ‘Tiny Tim’ e ‘Tumbler’, per i pomodori ciliegia, o ‘Bush Early Girl’ e ‘Golden Jubilee’ per i pomodori da insalata.

  • Casa
  • Giardino
  • Come distanziare correttamente i pomodori – 7 consigli per la giusta distanza